Valerio Pisano, nato a Lanusei (Sardegna) nel 1968, autodidatta, ha iniziato ad esprimersi con il disegno in giovanissima età.

Ha intrapreso per poco tempo gli studi classici per poi inserirsi nel mondo del lavoro all'età di19 anni.

L'uso della penna biro ha sempre avuto prevalenza su tutte le altre tecniche espressive. Ha aperto delle parentesi con colori ad olio, acrilici, tecniche miste.

Nel corso degli anni ha acquisito la capacità di sfumare il tratto della penna fino a renderlo impercettibile. Questo gli ha permesso di creare dei disegni che alcuni stentano a credere che siano stati fatti a penna, definendoli delle stampe.

...Pittore, disegnatore - brandisce la penna a biro come un'arma da taglio per tenere lontano i nemici - facitore di mille invenzioni e, soprattutto in "Profumo di ringhiera", poeta di un'ironia ribelle che si intrattiene entro gli ambiti di una tridimensionalità non solo fisica ma mentale. C'è una letteratura artistica vasta e multiforme, squisitamente italiana a cui egli attinge che va da Piero Manzoni ad Alighiero Boetti, a Gino De Dominicis...

Roberto Gramiccia – Critico d'arte e scrittore

Un grande successo di pubblico per la mostra "Che cento fiori sboccino...". Lunedì 11 ottobre, un inatteso flusso di visitatori ha affollato le sale della galleria "La Nuova Pesa" di Roma dove numerosi artisti hanno accolto l'invito di offrire una loro opera per un'asta il cui ricavato andrà al quotidiano "Liberazione". Fra un Kounellis e un Pizzi Cannella, fra un Balestrini e un Caporossi, fra un Cerone e uno Spagnulo c'è pure un bel pezzo del "nostro" Valerio Pisano... Potete sfogliare il catalogo della mostra (DeriveApprodi) su www.lanuovapesa.it

Juri Piroddi - Regista

..."Per quattro giorni ha accompagnato il Festival letterario di Gavoi. Valerio Pisano, artista di Lanusei, ha esposto le proprie opere all'Hotel Taloro, crocevia di scrittori e intellettuali arrivati all'Isola delle Storie. In tanti hanno potuto ammirare la mostra Profumo di ringhiera, nella quale Pisano ha riversato tutta la sua visionaria ironia, prendendosi e prendendoci in giro attraverso la reinterpretazione di oggetti d'uso quotidiano. Più Lewis Carroll che Andy Warhol, Pisano dimostra una sempre maggiore maturità espressiva."

Francesco Manca - su L'Unione Sarda del 7 luglio 2010

...L'opera di pisano nasce infatti dal suo rapporto con le cose, dalle emozioni che vive, dall'ispirazione che trova nella natura.

Un'ispirazione momentanea, quasi accidentale, inaspettata ma costantemente presente.

Nascono così alcune delle sue composizioni.

Quadri, disegni, oggetti di design che maturano nella mente dell'artista componendosi gradualmente attraverso una elaborazione formale lunga anche anni.

Giovanni Idili – Archeologo

Valerio Pisano, ha effettuato diverse esposizioni sia collettive che personali in Sardegna. Spiccano tra i suoi lavori l'installazione multimediale "media imprinting" – assieme all'artista Gianleonardo Viglino – messa in atto in un locale distrutto da un incendio e, sempre con lo stesso artista, ha effettuato un'esposizione presso la Galleria di Correboi dal titolo "TuNelLAgio".

Da segnalare una sua personale nella Città di Lucca dal titolo"Alias", con lavori realizzati a biro.

E, ultima ma non ultima, "profumo di ringhiera".